Home -> Restauro -> Archivio fotografico e della documentazione tecnica

Presentazione

Il Laboratorio di Restauro della Provincia di Viterbo rappresenta una delle prime realtà operative di attuazione del decentramento in materia di Beni Culturali. Organizzato con funzioni di servizio per le esigenze di un territorio che comprende 60 Comuni, è tra le prime strutture in Italia gestite direttamente da un Ente locale.

L'attività, garantita dalle Istituzioni pubbliche di riferimento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (Soprintendenze territoriali di settore), è diretta da un restauratore di formazione ICR che coordina i tre settori operativi e gestisce i rapporti con le Istituzioni. La programmazione annuale viene autorizzata dagli Organi della Provincia dopo l'esame preventivo da parte di un Comitato Tecnico di Gestione, al quale partecipano rappresentanti delle Soprintendenze competenti e dell'Istituto Centrale per il Restauro, i funzionari responsabili della Regione Lazio, il Dirigente di Settore della Provincia e il Direttore del Laboratorio.

Il personale tecnico è costituito da 11 restauratori, formati all'interno della struttura sia attraverso la frequenza di seminari, corsi informativi e di approfondimento, tenuti da specialisti e docenti chiamati dai maggiori centri didattici e di ricerca attivi a livello nazionale (ICR, OPD, Università, ENEA) sia nell'esercizio di una quotidiana pratica di atelier cui gli operatori sono stati introdotti per livelli graduali.

Lo scambio e il confronto delle esperienze è comunque promosso dal Laboratorio che organizza annualmente incontri e seminari su specifiche tematiche conservative, invitando relatori sia da Istituzioni pubbliche che da realtà professionali private, attive su tutto il territorio nazionale.

I settori di intervento sono tre:

  • dipinti su tela
  • materiali ceramici
  • materiali cartacei e membranacei

Ad oggi sono stati effettuati circa 2000 interventi conservativi e di restauro su manufatti artistici provenienti da Comuni, Musei ed Enti ecclesiastici della provincia. Esemplare per l'importanza del recupero l'intervento su numerose tele dei secoli XVII e XVIII, che costituisce ormai un nucleo di rilievo per la storia dell'arte della Tuscia, sottratto al degrado e restituito alla fruizione della comunità e all'esame degli studiosi. In particolare il Laboratorio ha curato la collezione dei dipinti su tela del Museo Civico di Viterbo sia nei suoi aspetti museografici che propriamente conservativi, a partire da un programma di monitoraggio ambientale.

Il Laboratorio ha promosso con i suoi consulenti scientifici un programma di ricerca sperimentale sul tensionamento elastico dei dipinti su tela, in collaborazione con il Laboratorio di Fisica dell'ICR e il Laboratorio di Diagnostica dell'Università degli Studi della Tuscia. I risultati della ricerca, peraltro ancora in corso di approfondimento, sono stati pubblicati in un volume presentato dall'ICR e adottato come testo a livello universitario.

Il settore carta ha realizzato un vasto progetto di recupero degli Statuti storici su carta e pergamena dei Comuni della provincia. Notevole è inoltre il recente intervento su un celebre codice pergamenaceo del XIII sec. della Biblioteca Comunale di Viterbo, integrato a un progetto di digitalizzazione del testo presentato in un DVD-rom edito dalla Regione Lazio.

Il settore ceramica ha proposto in una mostra itinerante nel Lazio i risultati della sua attività specializzata nella ricomposizione delle unità fittili fortemente frammentate, elaborando una propria proposta per il trattamento e la presentazione estetica delle aree lacunose.

Il Laboratorio è parte attiva in una convenzione stipulata dalla Provincia con l'Università degli Studi della Tuscia, nel cui ambito è sede di tirocini formativi e di indirizzo metodologico per gli studenti dei corsi di laurea triennale della Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali.

Il Laboratorio dispone di un Archivio fotografico, di un Archivio di documentazione tecnica e di una Biblioteca tematica con oltre 1.500 volumi, accessibili al pubblico per la sola consultazione.

 

Viale Trieste, n.104 01030 Viterbo La Quercia - Tel. 0761 304716 - Fax: 0761 347463

PROVINCIA DI VITERBO
Via Saffi, 49 01100 VITERBO
Codice fiscale / Partita IVA 80005570561
Tel. 0761 3131(centralino) - Fax: 0761 313296
e-mail: provincia@provincia.vt.it

Uffico relazioni con il pubblico
Tel. 0761 313236 - 313705; Fax: 0761 313410
e-mail: urp@provincia.vt.it